coffe break


Iscriviti alle “Coffee News”
Fa bene alla salute,
fa bene al tuo business!

Il modo migliore per far crescere la tua azienda è una pausa caffè.

Il gusto di una tazzina da caffè, un Equipe di professionisti al tuo fianco e una lettura veloce e coinvolgente.
Una combinazione ideale per stimolare la mente, trovare nuove idee e soluzioni efficaci.

Ricevi subito il nostro esclusivo “coffeeBREAK”

 

iscrivitialleCoffeeNews

Il caffè espresso nacque…

Il caffè espresso nacque a Torino nel 1884.

La sua diffusione portò lo sviluppo di luoghi accoglienti, profumati e conviviali chiamati caffetterie.
Tra le calli veneziane, l’aroma delle miscele orientali riempiva i respiri degli appassionati di caffè già dal 1720.
Ogni qual volta le porte dell’antico Caffè Florian si spalancavano, accogliendo tradizione, innovazione e desideri, una nuova caffetteria italiana arricchiva le strade e la storia della sua città.

I templi del caffè italiano divennero cuore pulsante di cultura.
Gli intellettuali dell’epoca, sedotti dall’ambiente, lo frequentarono con costanza, imprimendo nei pulviscoli di atmosfera magica, che ancora oggi sono incastonati alle pareti delle caffetterie storiche, i loro ideali, furori e strabilianti genialità.

Goldoni, Casanova, Pellicco, Foscolo, ma anche gli stranieri Byron, Russeau, Dickens impreziosirono il Caffè Florian e la letteratura mondiale.

A Roma, nelle raffinate sale dell’Antico Caffè Greco, si susseguirono Gogol, Twain, Levi, Canova, Corot, D’Annunzio e Bizet.
Impossibile dimenticare l’influenza di Goethe e Keats e la metrica sgorgata caffè dopo caffè.

In Friuli Venezia Giulia, la caffetteria simbolo degli intellettuali ottocenteschi è il Caffè Tommaseo di Trieste.

Svevo, Joyce, Kafka, Saba, Magris trassero ispirazione da questo locale dall’impronta fortemente antiautriaca e liberitaria.

 

Coffee News by Studio Imagine