coffe break


Iscriviti alle “Coffee News”
Fa bene alla salute,
fa bene al tuo business!

Il modo migliore per far crescere la tua azienda è una pausa caffè.

Il gusto di una tazzina da caffè, un Equipe di professionisti al tuo fianco e una lettura veloce e coinvolgente.
Una combinazione ideale per stimolare la mente, trovare nuove idee e soluzioni efficaci.

Ricevi subito il nostro esclusivo “coffeeBREAK”

 

iscrivitialleCoffeeNews

PACKAGING MINIMAL: PERCHÈ FUNZIONA?

Il packaging minimal sancisce un’inversione di tendenza rispetto ai primi anni del Terzo millennio.

Se, infatti, negli anni ’80 si puntava ai “formati convenienza” nei prodotti FMCG (fast moving consumer goods), gli ultimi anni si è visto l’ascesa e il consolidamento del “downsizing”.

Il packing in formato ridotto risponde alle nuove sensibilità ed esigenze dei consumatori legate ai nuovi stili di vita e effettivo di ciò che è strettamente necessario per la persona.

I grandi formati, ingombranti e con rischio di abbandono per sovrabbondanza, vengono sostituiti da soluzioni Easy dal Visual accattivante e di utilità pratica e immediata.

Lo si può notare soprattutto nei prodotti legati al food and beverage.

Questo settore, investito dai nuovi stili di vista e dalle rivoluzioni vegane, vegetariane, orientalistiche e salituste, ha visto un modificarsi dei gusti e delle preferenze dei consumatori tanto da spingere le multinazionali a creare confezioni con piccolo formato perché percepite dal pubblico:
– più salutari
– di immediata fruizione
– generano meno spreco.

Un formato piccolo, psicologicamente parlando, stimola il pensiero del meno danno rispetto alla salute.

 

Altro vantaggio
I formati mignon vengono commercializzati con prezzi più facilmente accettabili dal consumatore alle prese con la crisi economica e l’ottimizzazione del budget.

 

– Pepsi, per esempio, ha messo in produzione una lattina dal mini-formato di circa 220ml per accogliere il bisogno di riduzione degli zuccheri nelle bevande gassate.
– Mars commercializza una versione “bite-size” (piccoli bocconcini) dei suoi Snickers.
– Starbucks ha immesso sul mercato una versione mini del suo Frappuccino, di circa 300 ml.
– Coca-cola propone un nuovo formato da 220 ml, registrando una crescita delle vendite del 9% nei primi 9 mesi del 2014.

 

Packaging minimal con visual studiati ad hoc soddisfano nuovi bisogni e sviluppano nuove modalità di consumo. 


Il trend del downsizing del packaging risulta così molto interessante come esempio da seguire.

E voi cosa farete?
I prossimi prodotti che commercializzare saranno downsizing?

 

 

Coffee News by Studio Imagine
credits & photo: ninjamarketing.it

 

Ti è stato utile questo articolo? Lasciaci il tuo commento

Il tuo nome *

La tua email *

Il tuo messaggio

Codice di sicurezza captcha

Ho letto e accetto la Privacy Policy